23 maggio 2012
L'ultima tornata elettorale consegna a tutti i partiti molti elementi di riflessione

Questa tornata elettorale consegna a tutti i partiti elementi di riflessione che non possono essere liquidati con le valutazioni tradizionali.

Innanzitutto due sono i dati che emergono: da un lato hanno vinto sostanzialmente i programmi quando sostenuti anche da candidati credibili, dall’altro lato però questa stessa affermazione non va eccessivamente mitizzata perché dietro alla stragrande maggioranza dei volti credo di poter dire che c’è stata l’affermazione politica chiara di un progetto e di un partito: il Partito Democratico.

I numeri si possono non condividere, non accettare, sicuramente di devono analizzare accuratamente, ma quelli rimangono. Ci si può interrogare su come migliorarli nel futuro ma oggi sono questi e ci consegnano la vittoria del centrosinistra in 18 capoluoghi su 26 e dei 177 comuni sotto i 15mila abitanti il centrosinistra e il PD ne hanno conquistati 92. Cinque anni fa ne amministravamo 45.

Queste sono analisi che un partito deve fare, per capire dove si e’ sbagliato, dove si deve migliorare, nel merito delle cose non nei messaggi che si mandano. Considerando normale che non abbiamo mai pensato di essere infallibili, ma siamo facilmente identificabili e mai ambigui e che in un confronto politico amministrativo ci sono schieramenti politici che mettono in campo candidati migliori dei nostri (magari come a Parma) e quindi si aggiudicano e vincono per poi governare.

Su Parma ritengo che Pizzarotti abbia vinto perché giovane e perché incarna la riscossa di una città commissariata e travolta da scandali, una città che in lui vede la rinascita. A lui vanno i miei migliori auguri, avendo chiaro però che fare il sindaco è un mestiere difficile specie in una fase come questa, e governare può essere gratificante, ma anche molto impegnativo e soprattutto non si improvvisa.

Noi pero’ non siamo abituati a salire sul carro dei vincitori semmai dove avviene riconosciamo la sconfitta.

Noi non giochiamo a far perdere qualcuno ma bensì ad affermare le nostre idee perché pensiamo siano quelle giuste.
Non siamo uomini e donne che a seconda di come tira il vento lo prende, noi siamo uomini e donne convinti che ci sia bisogno di un approccio culturale nuovo alle cose, i bisogni e le aspirazioni non sono più quelle di 4 anni fa prima della crisi, le nostre proposte non potranno non tener conto di questo.

Anche a Livorno c’è bisogno di mandare segnali corretti, non falsi, soprattutto quando il tema è quello del governo di un territorio e delle scelte che un’amministrazione si trova a compiere.

Quando qualcuno parla del nuovo inceneritore e lo si definisce cancrovalorizzatore (dopo aver sottoscritto ad agosto del 2011 il documento “Verso il 2014” con cui si rinnovava la volontà di costruire la terza linea al picchianti, che vorrei ricordare essere anche questo un termovalorizzatore) sta raccontando due volte bugie ai cittadini. La prima facendo finta che quel documento sottoscritto da IDV non contenga in se una scelta sulla termovalorizzazione dei rifiuti che IDV si è impegnata a sostenere e la seconda usando parole a grande effetto mediatico che non tengono conto però della serietà e della responsabilità con cui certe discussioni andrebbero affrontate.

Questa politica non mi appartiene, non la condivido e non la porterò mai avanti nel mio partito.
Con il nuovo inceneritore noi proponiamo di chiudere l’area attuale del Picchianti e di trovare una nuova collocazione fuori dalla città che dia risposte ad un territorio, quello della Circoscrizione 1, che abbiamo chiaro essere appesantito da queste situazioni, e per dare al tempo stesso delle risposte in termini di smaltimento di rifiuti speciali, per far si che le nostre imprese abbiano meno costi, che si possa essere appetibili come territorio per altri investimenti, tutto al fine di creare nuove condizioni occupazionali,avendo chiaro che la sua realizzazione,le sue dimensioni sono subordinate alla ricerca costante di implementare la raccolta differenziata non viceversa.

Se qualcuno la vede diversamente deve andare dai cittadini della Circoscrizione 1 e dir loro chiaramente che vuole implementare lì la termovalorizzazione, perché questo ha votato nell’agosto del 2011 (vorrei ricordare che faceva anche parte del programma del Sindaco, quindi una doppia conferma) e oggi attacca fortemente una nuova soluzione che la Regione Toscana ha messo sul tavolo della discussione e che potrebbe offrire ricadute migliori su più fronti.

Un partito di governo non può avere una visione parziale, non può non collegare le singole questioni, per comporre un quadro che si chiama governo dei territori; questo è il motivo per cui IDV non è più in maggioranza.

Infine una riflessione politica.
Il fatto che ci sia un’attenzione particolare nei confronti PD mi fa sorridere.
Io spenderei il mio tempo, come sta facendo il partito che ho l’onore di rappresentare, a pensare ad un progetto per il futuro della città.

Sono un lavoratore del porto, di un’azienda privata, che si preoccupa come tutti i livornesi di avere un futuro e una prospettiva per i propri figli, essendo nato e vissuto in questa città, l’impegno politico mio e del mio partito è in questo senso, su questo verremmo giudicati com’è giusto che sia, noi non portiamo avanti le idee per cercare consenso ma per trovare risposte.

Yari De Filicaia
Segretario Comunale PD Livorno

Dalle città
Livorno
Attualità e stato dell’arte dell’Accordo di programma per lo sviluppo economico dell’Area costiera livornese
Parità di genere e contrasto alla violenza – tavola rotonda
Rosignano
Conferenza “Rosignano Domani”
Lavoro e questione sociale. I valori e le nuove sfide del centro sinistra. Venerdì 24 agosto incontro Cesare Damiano
Cecina
Festa de l’Unità a Cecina. 13 – 19 agosto 2018 La Cecinella
Bullismo e Cyberbullismo. La prevenzione a scuola. Giovedì 7 giugno alle 21 incontro al Palazzetto dei Congressi di Cecina
Collesalvetti
Festa de l’Unità a Collesalvetti. 17 – 26 agosto Palazzetto dello Sport
Festa de l’Unità di Colognole. 11 – 15 agosto. Il programma
Castagneto Carducci
AperiReferendum a Donoratico. Giovedì 1 dicembre alle ore 19
Le ragioni del Sì al Referendum Costituzionale. Giovedì 24 novembre dibattito pubblico a Donoratico
Bibbona
Il candidato Andrea Romano incontra la cittadinanza a Bibbona. Martedì 27 febbraio alle ore 10
Martedì 20 febbraio doppio appuntamento con Silvia Velo a Bibbona
Capraia
Primarie: chi, dove, come e quando
Primarie 25 novembre. I risultati dell’Isola di Capraia